Marketing culturale 3.0

L’epoca attuale, di profonde trasformazioni ed innovazioni, ci espone ogni giorno all’utilizzo di strumenti tecnologici, spetta a ciascuno di noi scegliere il tipo di esperienza che si vuol condurre attraverso l’uso dei dispositivi e dei loro servizi che ci seguono in ogni dove

SCEGLIERE, dunque, risulta essere la parola chiave!!

Nelle righe successive vediamo come far entrare l’arte, la cultura e le tradizioni, ma soprattutto le relazioni sociali nelle nostre vite 3.0!!

Analisi condotte negli ultimi dieci anni hanno riscontrato un calo notevole di “consumo” di arte e cultura: sempre meno persone leggono, piccole tribù frequentano periodicamente musei e mostre e sebbene si viaggi parecchio, raramente il viaggio viene vissuto come esperienza di conoscenza profonda di realtà, tradizioni, persone e territori. 

La causa di questo cambiamento di rotta ancora non è stata individuata, ma ciò che inizia ad emergere è che alcune persone sentono il bisogno di dover prendere le distanze da viaggi comuni (che fanno tutti), in mete gettonate e soprattutto percepiscono il bisogno di cogliere l’occasione del viaggio/ vacanza per crescere.

Quanto riscontrato è un turismo privo di caratteri identitari, che sebbene allontana le persone dalla loro routine le immette in una dimensione che tutti coloro che si recano in quel preciso luogo sperimentano allo stesso modo. Soffermandosi un attimo sull’analisi di alcuni profili Instagram, partendo da quelli di personaggi pubblici per arrivare a quelli di comuni cittadini, ciò che vediamo è una costante e continua condivisione di immagini (scattate nel corso delle vacanze), come se il soggetto proprietario del profilo volesse raccontare qualcosa di sè, ma in realtà si limitasse a denunciare che come tutti coloro che hanno visitato una certa location, non ha mancato di visitare i luoghi maggiormente popolari/ social. 

Ciò che abbiamo davanti in poche parole sono un turismo ed un consumo dell’arte e della cultura, che non seguono gli interessi profondi della persona, ma bensì le mode social del momento, conseguenza di questo comportamento è la mancanza di esperienze di viaggio autentiche ed arricchenti. 

Alla luce di quanto riscontrato e della consapevolezza che i dispositivi tecnologici ed i social media attualmente sono parte integrante delle vite della maggior parte delle persone è possibile strutturare servizi che consentano di fare esperienze di viaggio, alternative rispetto a quelle diffuse sui media, ma estremamente arricchenti ed importanti per la crescita personale di ciascun viaggiatore.

L’invito, dunque, è quello di realizzare piattaforme, applicazione e social network, che mettano in contatto persone di luoghi diversi e disposte ad instaurare una relazione di scambio culturale, al fine di allontanare dall’effimerità dei media, ma non escludendo questi dal quotidiano.

CICERO BAG, nasce come un Applicazione, pensata per smartphone, da portare sempre con sè, la quale permette di conoscere persone e poter vivere esperienze di viaggio autentiche, le quali diventeranno parte integrante del patrimonio socio culturale e personale del viaggiatore, ma anche di colui/ colei che decide di fare da cicerone e condividere il proprio sapere, avvicinando il più possibile alle tradizioni ed ai luoghi visitati.

L’app nasce per soddisfare i bisogni di viaggiatori consapevoli moderni e di tutte quelle persone che non vogliono limitarsi a fare selfi nei luoghi visitati, ma desiderano vivere, anche se solo per pochi giorni, a diretto contatto con le tradizioni, le persone e gli elementi caratterizzanti delle location in cui si recano. 

Non mancate di seguire sui social e qui gli sviluppi ed i tempi di attesa… CiceroBag sta arrivando per voi!!

Nell’immagine di copertina uno scatto della Val d’Orcia, forse tra i più condivisi e visti, ma sappiamo davvero che cosa nasconde la piccola cappellina (Madonna di Vitaleta, tra Pienza e San Quirico D’Orcia)?!? e soprattutto quali sono le tradizioni che quella popolazione tanto disponibile e accogliente vive e conserva?!?

Un invito ad una vacanza lungo la via Francigena, nei territori Toscani, potrà rispondere alle domande sopra riportate ed a molte altre ancora…

Il link di seguito può iniziare a stuzzicare la vostra mente… https://www.parcodellavaldorcia.com/attrazioni/cappella-della-madonna-di-vitaleta/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: