Discover Italy

In questi giorni in cui ci ritroviamo tra le mura delle nostre abitazioni, ovunque esse siano ubicate nel nostro paese, ci ritroviamo spesso anche avagare con la mente. Per fortuna ci rimane l’immaginazione e la voglia di scoprire il nostro bellissimo paese ed il mondo. Continua a leggere “Discover Italy”

Val Rendena

Chiamandola con il suo nome potrebbe essere che parecchi di voi non ricordino di che valle vorrei parlarvi. La Val rendena, la valle in cui si trova la celebre località montana Madonna di Campiglio, si estende da Tione di Trento, a pochi chilometri dal Lago di Garda sino a Passo Campo Carlo Magno, il quale delimita il confine con le valli limitrofe ed in particolare con la Val Di Sole.

La Val Rendena si estende per un territorio di circa 40 chilometri, parecchi dei paesini del fondo valle si trovano a quote non particolarmente alte, al di sotto dei 1000. Il cuore della valle, conosciuto dagli amanti degli sport invernali e diventato particolarmente celebre negli anni ’60 e ’70 è Madonna di Campiglio. Madonna di Campiglio, per l’incredulità di molti, non è un comune italiano, bensì una frazione di Pinzolo, comune distante una decina di chilometri e che si estende ad una quota compresa tra i 700 ed i 900 metri sul livello del mare. Lasciato il comune di Pinzolo e proseguendo sulla strada statale della Valle Rendena (Tn) si raggiunge la frazione, che nel corso dei mesi non turistici conta una popolazione di circa 350 residenti.

Madonna di Campiglio divenne celebre negli anni del boom economico, infatti alcuni commercianti ed imprenditori della valle vollero credere nella popolarità di quello sport proventiente dal Nord Europa: lo sci ed investirono per la realizzazione delle prime piste da sci nel territorio del Trentino. Da quel momento in poi Madonna di Campiglio, con l’arrivo anche delle gare di Coppa del Mondo, sul famoso Canalone Miramonti, divenne tra le mete turistiche invernali maggiormente apprezzate. La località, oggi sede di numerose strutture ricettive di lusso, è particolarmente rinomata all’estero e raggiunta ogni anno da turisti stranieri provenienti da tutto il mondo, i quali restano incantati dal fascino delle Dolomiti di Brenta.

Le cime che si estendono attorno a Madonna Di Campiglio delimitano il confine con la vicna Val Di Sole, nei pressi della località Campo Carlo Magno, rinomata per i campi da golf, con il territorio del Passo del Tonale, di cui in condivisione sono le cime dell’Adamello e con il territorio del lago di Molveno, nel quale lo stesso gruppo di Brenta si riflette. Il Gruppo di Brenta, oltre a regalare un suggestivo panorama a Madonna, è anche meta di importanti arrampicate e nel tempo sono state aperte numerose vie, che conducono a cime di grande suggestione.

La storia dell’ospitalità in questa valle trentina risale alla fine del 1800, quanto i signori della corte di Vienna scelsero queste cime per i soggiorni estivi della Principessa Sissi e consorte. La donna, in fase di ripresa da un lungo periodo di depressione, espresse il desiderio di poter passeggiare in un luogo montano accogliente e suggestivo, fu così che si innamorò di Madonna. La località ancora oggi celebra nel corso del mese di Febbraio il Carnevale in onore della famiglia Asburgica e con costumi d’epoca ed acconciature sublimi tra le vie del paese e sulle piste da sci si danzano ancora sontuosi walzer viennesi.

Il territorio di Madonna di Campiglio accoglie turisti appassionati di montagna, sia esperti arrampicatori o sci alpinisti, così come principianti che desiderano avvicinarsi al mondo della neve oppure alle meravigliose passeggiate della zona.

Tra le strutture ricettive in cui ho potuto soggiornare, accolta da un calore famigliare e personale preparato ed ospitale segnalo: http://www.aristonarnica.it/it.

Siete pronti a partire?

L’inverno si sta avvicinando e se anche voi, richiamti dalle copiose nevicate che non mancano di essere ritratte sui social oppure al tg, preparate le valige con capi caldi e tecnici, se siete sciatori affilate le lame… l’inverno sta arrivando e la Val Rendena potrebbe stupirvi con i suoi panorami e le innumerevoli iniziative. Visitate il sito: https://www.campigliodolomiti.it/it/pagine/dettaglio/campiglio_e_paesi,139/i_paesi_della_val_rendena,562.html.

Nell’immagine di copertina un mio scatto dalle meravigliose piste da sci del comprensorio di Madonna di Campiglio. Un vero paradiso per gli amanti degli sport invernali e del clima montano, condito da una punta di romanticismo e tanti comfort.

Tra Val di Fassa e Val di Fiemme

Le ultime valli del territorio Trentino: Di Fassa e Di Fiemme, sono tra le mie preferite in assoluto e risultano essere un territorio tutto da scoprire, esplorare ed assaggiare.

Nel corso degli anni ed in differenti stagioni ho avuto il privilegio, più volte, di ritornare in questi luoghi e scoprire sempre di più, come spesso avrete già potuto vedere dalle immagini che ho condiviso. Continua a leggere “Tra Val di Fassa e Val di Fiemme”

Alta Val Trompia

Ho deciso di condividere qualche cosa di più di me su un territorio che conosco molto bene, in quanto le mie radici storiche derivano anche da questa zona della Lombardia.

L’Alta Val Trompia è il territorio che si estende da Concesio sino al Passo Maniva (crocevia tra Tre Valli: Val Trompia, Val Sabbia e Val Camonica); trattasi di un territorio intriso di storia e tradizioni, che ha visto il passaggio del fronte bellico e una serie di vicissitudine di interesse storico susseguirsi con il territorio al centro dell’attenzione.

Continua a leggere “Alta Val Trompia”

Val d’Orcia e Val D’Elsa

Addentrandoci nel territorio dell’entroterra toscano possiamo imbatterci in innumerevoli e variegate coltivazioni di vigneti, percorrendo i territori tipici per la produzione delle uve del Chianti e del Montalcino ci troviamo al confine tra più province della regione: Arezzo, Firenze, Siena, Grosseto e Pisa. Il territorio che ci appare, in ogni stagione dell’anno è tra i più agresti e rinomati del nostro paese e nel mondo.

Andiamo alla scoperta della Val D’Orcia e della Val D’Elsa. Continua a leggere “Val d’Orcia e Val D’Elsa”

Bologna e le lasagne…

Ogni famiglia Bolognese ha la sua ricetta tradizionale del ragù e delle lasagne e solo avendo il piacere di degustare questo piatto preparato da sapienti mani, non di chef, ma di veri bolognesi, potremo accorgerci della sublime storia e tradizione che lo domina, così come storie antiche e tradizioni sono custodite tra le vie e le costruzioni della cittadina contornata da antichi portali.

Continua a leggere “Bologna e le lasagne…”

Blog su WordPress.com.

Su ↑